Goldrake: Episodi

 

Precisazioni di Gerdha in merito alla traduzione dei titoli degli episodi

Episodes list
Episodes list (A3)

TITOLI EPISODI
La traduzione dei titoli originali giapponesi degli episodi in italiano è LETTERALE, ovvero non ha subito alcun processo di adattamento alla mia (e vostra) lingua. Si è trattato di una precisa e consapevole scelta, mirante a mantenere la massima fedeltà all'opera originaria e soprattutto a dare evidenza del particolare stile adottato dagli Autori dell'anime nella titolazione gli episodi - compresa l'enfasi posta dai punti esclamativi. Ringrazio infinitamente
Misa per l'opera paziente e insostituibile di traduzione; senza il suo supporto questa pagina web avrebbe certamente una colonna in meno… 

Per quanto riguarda l'edizione italiana, alcune precisazioni merita l'episodio 71. Certamente può considerarsi inedito, non essendo mai stato trasmesso nella versione sigla-episodio-sigla, ma personalmente ricordo perfettamente il titolo dell'episodio "Il Comandante Markus" stampato su un settimanale dedicato ai programmi TV della prima settimana di Gennaio 1980 (anche se purtroppo non posso fornirne la prova provata in quanto non sono in possesso della copia della rivista, sono piuttosto confidente sull'attendibilità della mia memoria). Certamente, su alcune altre note riviste del settore la puntata di venerdì 4 Gennaio 1980 prevedeva correttamente la trasmissione dell'episodio 72 "Rivoluzione Nello Spazio", ma allegandovi invece il riassunto dell'episodio 71. Ciò prova che l'episodio 71 fu sicuramente importato in Italia e probabilmente anche doppiato, altrimenti risulterebbe inspiegabile come i funzionari RAI potessero aver comunicato il riassunto dell'episodio 71 ai settimanali di cui sopra. Inoltre, l'episodio 71 entrò quasi interamente (mancano solo alcune scene della parte iniziale della puntata) a far parte del film di montaggio "Goldrake Addio"; e la sua integrazione nella pellicola può spiegarsi solo con il fatto che qualcuno nel nostro Paese ne possedesse il master. L'episodio 71 riveste un'importanza strategica nella storia di Grendizer: in esso Duke Fleed viene guarito dalla ferita radioattiva al braccio e questo fatto certamente conferisce una valida spiegazione ad alcuni avvenimenti nella trilogia finale che altrimenti resterebbero inspiegabili per i fans italiani. Resta in ogni caso oscuro il motivo per cui l'episodio 71 non sia stato trasmesso a suo tempo durante la regolare programmazione (e nemmeno nelle repliche avvenute nel corso degli anni sia sulla TV pubblica sia sui networks privati). L'unica spiegazione che posso ipotizzare è che, volendo terminare la serie domenica 6 Gennaio 1980 in occasione dell'Epifania, la RAI abbia deciso all'ultimo momento di eliminare un episodio dal palinsesto, probabilmente scegliendolo a caso tra i pochissimi che ancora restavano da trasmettere, e la pellicola sia poi andata smarrita e quindi mai restituita al distributore italiano; oppure è anche possibile che il supporto originale sia andato perduto durante la realizzazione del film di montaggio. Ma si tratta soltanto di ipotesi personali.

Relativamente agli episodi 15 e 59, essi sono invece totalmente inediti in Italia in quanto con ogni probabilità non furono nemmeno mai né importati né tantomeno doppiati per motivi sconosciuti (un errore nella consegna delle pellicole al distributore da parte della Toei?); fortunatamente non contengono comunque nessun particolare avvenimento strategico per la serie. Curiosamente, una brevissima scena (della durata di un paio di secondi) dell'episodio 15 è però contenuta nella sigla iniziale del film di montaggio "Goldrake Addio". La motivazione di questo strano particolare onestamente mi sfugge; ma posso ipotizzare che la realizzazione di tale sigla sia stata effettuata operando un mero copia/incolla da spezzoni "a random" dell'edizione originale giapponese; ad esempio la medesima contiene l'intera seconda versione della sigla iniziale originale dell'anime che fu disegnata da Shingo Araki per gli episodi 50 e successivi e che non fu mai utilizzata in Italia.

EDIZIONE GIAPPONESE
Ufo Robot Grendizer venne trasmesso senza soluzione di continuità dal 5 Ottobre 1975 al 27 Febbraio 1977 ogni domenica alle ore 19.00 da Fuji TV - orario tipicamente dedicato ai programmi per bambini nella fascia di età 5-10 anni.

Un'interessante particolarità è costituita dal fatto che lo svolgimento temporale della storia segue abbastanza fedelmente il calendario reale di trasmissione - ad esempio gli episodi 14 e 66, ambientati durante il giorno di Capodanno, furono effettivamente trasmessi in Giappone la prima domenica di Gennaio rispettivamente 1976 e 1977, e altre simili coincidenze possono rilevarsi osservando i cicli delle stagioni nella serie rispetto alla data di trasmissione.

Altra curiosità riguarda l'ordine di produzione degli episodi, che in un paio di casi non seguì esattamente il successivo ordine di messa in onda. Gli episodi n° 15 e 16 nonché 19 e 20 vennero in realtà realizzati temporalmente in senso inverso (16-15 / 20-19).

EDIZIONE ITALIANA
La messa in onda dei 71 episodi trasmessi in Italia fu suddivisa in tre parti (ep1-25, ep26-51, ep52-74), ma con alcune eccezioni. Gli episodi 15, 59 e 71 non vennero mai trasmessi, né durante la programmazione originaria della RAI (prima messa in onda nel 1978-1980 e repliche nei primi anni '80) né successivamente dai networks privati (primi anni '90), quindi sono da considerarsi inediti in Italia. Per quanto riguarda gli episodi 50 e 60, essi non furono mandati in onda durante il ciclo normale di programmazione da parte della RAI, ma furono regolarmente doppiati e comunque trasmessi successivamente dai networks privati, e non possono di conseguenza essere considerati inediti. E' pure possibile che gli episodi 50 e/o 60 siano stati trasmessi durante un vuoto di palinsesto RAI (per sciopero giornalisti o tribune elettorali nella primavera-estate 1979) oppure nell'ultimo ciclo di repliche sulla TV nazionale nel 1983/84, ma non sono disponibili informazioni certe sull'argomento. 

Per quanto riguarda la ricostruzione delle date di prima messa in onda in Italia, la fonte delle informazioni sono miei personali appunti dell'epoca (mi ero sempre chiesta che scopo avrei mai dato nella vita a quei miei foglietti di carta… ora a distanza di un quarto di secolo ho trovato la risposta!) nonché la gentile collaborazione di Stella Di Fleed, che ringrazio calorosamente per il prezioso contributo.


EDIZIONE FRANCESE
I Paesi di area francofona (Francia, Benelux, Quebec) hanno beneficiato della trasmissione completa dell'intero anime, rinominato "Goldorak", soffrendo però di alcuni piccoli tagli censori in un numero limitato di puntate. 

I 74 episodi trasmessi in Francia/Benelux da Antenne2 furono suddivisi in tre parti (ep1-52, ep53-68, ep69-74), anche se pure in questo caso con alcune eccezioni nella programmazione: per motivi sconosciuti gli episodi 12, 37 e 51 vennero trasmessi solo a valle della cosiddetta "prima stagione". Ringrazio Patrick e Tom per avermi fornito le informazioni sulla cronologia dell'edizione francese. 
Una curiosità: l'adattamento francese di Ufo Robot Grendizer fu curato da Michel Gatineau, doppiatore in lingua transalpina del personaggio di Genzo Umon.

Grendizer venne trasmesso in Quebec (Canada) a partire da Settembre 1978 dalla rete TVA la domenica mattina ore 10.30; la cosiddetta "prima stagione" comprendeva gli ep1-36. La puntata 74 fu mandata in onda nella primavera 1981. Ringrazio Bernard per avermi fornito queste informazioni.

CURIOSITA' SULLA CRONOLOGIA ITALIANA E FRANCESE
Analizzando le date di messa in onda in Italia e Francia, si può notare un interessante fenomeno. La trasmissione di Grendizer iniziò in Francia con 3 mesi di ritardo rispetto all'Italia, ovvero durante la pausa tra le nostre cosiddette "prima" e "seconda" serie. Dal momento che la messa in onda da parte di Antenne2 fu bisettimanale e senza interruzioni dall'ep1 all'ep52, però, nei mesi di Novembre e Dicembre 1978 Grendizer si trovò ad essere proiettato sul piccolo schermo sia in Italia sia in Francia in contemporanea: 
14/12/78: Italia ep28 - Francia ep49
18/12/78: Italia ep30 - Francia ep50 
28/12/78: Italia ep38 - Francia ep52 
Curiosamente, in entrambi i Paesi la trasmissione di Grendizer terminò un ciclo di programmazione allo stesso punto della storia e quasi contemporaneamente: Francia ep52 28/12/78 - Italia ep51 12/1/79.

Ma le coincidenze non finiscono qui. La trasmissione dell'ultima parte dell'anime iniziò in Francia il 24/9/79, ma dato che la messa in onda avveniva solo settimanalmente il venerdì, la programmazione giornaliera italiana pur iniziando soltanto l'11/12/79 raggiunse e infine superò quella d'oltralpe. E' interessante notare che, a causa di alcune pause nella trasmissione francese, la contemporaneità della messa in onda su RAI e Antenne2 si verificò questa volta soltanto il 17/12/79 (Francia ep66 - Italia ep56). Successivamente, mentre in Italia la serie si concluse il 6/1/80, a causa di un'ulteriore pausa nella programmazione i fans francesi poterono vedere la conclusione della storia molti mesi più tardi (autunno 1980).

In compenso, però, Grendizer è stato più volte replicato per intero in Francia, e anche in anni recenti su una TV satellitare. In Italia si sono avute invece rare repliche sulla RAI - e mai per la serie completa - (estate 1979 e autunno 1980), nonchè un paio di ritrasmissioni su networks privati che purtroppo lamentavano spesso per motivi ignoti il mancato rispetto dell'esatta cronologia degli episodi. 

Ciò che comunque ha certamente accumunato le edizioni francesi e italiane è stato l'incredibile successo dell'anime e l'indelebile segno lasciato nella memoria collettiva di un'intera generazione. In particolare, Grendizer detiene tuttora in Francia il record assoluto di ascolti per una trasmissione televisiva: un paio di puntate del secondo ciclo ottennero l'incredibile share del 98%, risultato imbattuto anche dalla finale dei Mondiali di Calcio 1998 tra Francia e Brasile.

EDIZIONE ARABA
Ufo Robot Grendizer fu trasmesso integralmente all'inizio degli anni '80 in alcuni Paesi del Medio Oriente (Emirati Arabi, Egitto ed altri limitrofi), ottenendo un successo trionfale. L'edizione araba, pur se trasmessa con rari e lievi tagli censori, riprende integralmente i nomi originali giapponesi per quanto attiene i personaggi, ed è molto fedele anche nella titolazione ed adattamento degli episodi. Ringrazio Suzi per avere fornito sia i titoli in lingua araba sia la loro traduzione in lingua inglese. 

ALTRE EDIZIONI
All'inizio degli anni '80 Ufo Robot Grendizer venne trasmesso in svariate parti del globo, sempre riscuotendo un grande successo. Segnalo in particolare le due versioni in lingua inglese finora realizzate: 
· USA: sulla costa orientale vennero trasmessi solo 26 episodi (compresi tra ep1 e ep37); l'edizione americana (traduzione/adattamento) viene unanimamente ritenuta la peggiore finora realizzata per questo anime
· Filippine: una seconda edizione in lingua inglese, piuttosto aderente all'originale giapponese, venne realizzata a metà anni '80 nelle Filippine per la messa in onda in loco; anche in questo caso la trasmissione di Grendizer in tale Paese non è stata integrale

Ufo Robot Grendizer è stato fino ad oggi trasmesso in oltre 40 Paesi, tra cui Russia e Sud Corea, dove probabilmente vennero realizzate ulteriori versioni con doppiaggio in lingua locale, ma purtroppo non sono disponibili informazioni sicure a riguardo. Desidero comunque sottolineare una interessante particolarità: nessuna edizione locale (= doppiata in lingua diversa dal giapponese) ha mai rispecchiato completamente l'anime originale. Infatti, solo le versioni araba e francese hanno coperto tutti i 74 episodi, ma l'edizione italiana è finora l'unica ad essere stata trasmessa in versione uncut, ovvero senza alcuna modifica al contenuto delle puntate (BGM originali, sottotitolazioni in giapponese, tagli censori). 

STAFF DEGLI EPISODI
Alla realizzazione di Ufo Robot Grendizer parteciparono alcuni tra i più rinomati artisti dell'animazione giapponese dell'epoca. 

Il Character Design fu affidato al purtroppo ora defunto Kazuo Komatsubara per gli episodi 1-48 e a Shingo Araki per gli episodi 49-74. 

Un pool di professionisti curò la realizzazione di ciascun episodio; i miei più sentiti ringraziamenti vanno a Misa per la traduzione dal Roman Album ufficiale dell'anime dei nominativi dello staff assegnato a ciascun episodio. La tabella riporta i nomi dello staff secondo la modalità giapponese (cognome/nome). Il raro simbolo "?" indica incertezza nell'interpretazione dell'ideogramma kanji (tale simbologia può avere vari significati, e l'interpretazione dei medesimi normalmente è assegnata al contesto della frase, che è ovviamente impossibile ricostruire nel caso di nominativi di persone).
· EPISODE DIRECTOR (regista dell'episodio): tra i nominativi segnalo certamente Tomoharu Katsumata, regista già di fama all'epoca e che è comunque responsabile della realizzazione di gran parte degli anime di maggior successo della storia dell'animazione giapponese. 
· SCRIPTWRITER (sceneggiatore): importante informazione per i fans amanti dell'analisi degli episodi della serie è certamente l'identificazione degli sceneggiatori di ciascun episodio. La mia segnalazione personale va a Shozo Uehara (sceneggiatore del film pilota Uchu-Enban Daisenso), Mitsuro Mashima (autore della quasi totalità degli episodi più famosi, tra cui gli episodi 25 e 72) e Tatsuo Tamura (sceneggiatore di altre puntate significative, come gli episodi 30, 49, 71 ed entrambe le puntate finali)
· ARTISTIC DIRECTOR (direttore artistico): coordinatore della realizzazione dei disegni di ciascun episodio, e quindi responsabile del risultato visivo dei medesimi. Tra i nominativi spiccano quelli di Kazuo Komatsubara (che quindi fu personalmente responsabile di alcuni episodi di cui curava anche il character design) e Shingo Araki (che curò alcuni episodi durante l'era di Komatsubara e poi diradò il suo impegno personale una volta nominato character design, riservandosene comunque alcuni estremamente importanti). In particolare, desidero sottolineare l'introduzione di Michi Himeno nel team dei disegnatori a partire dall'episodio 50; fu infatti in tale occasione che si costituì per la prima volta il team Araki/Himeno, che da allora diede - e tuttora fornisce - ai fans dell'animazione giapponese alcuni dei migliori design in assoluto sotto il profilo visuale della storia dell'anime (tra gli altri, oltre ad alcuni indimenticabili episodi di Grendizer, le intere serie di Versailles No Bara e Saint Seiya). 
· DESIGNER (curatore dei fondali): menzione speciale meritano Tadanao Tsuji (presente nella prima parte dell'anime) e Iwamitsu Itou (il cui apporto attraversa invece l'intero anime)

RATINGS IN GIAPPONE
Una delle (numerose) leggende che circondano Grendizer è il suo supposto insuccesso televisivo in Giappone. Orbene, i dati ufficiali sui ratings di ciascun episodio contenuti nel Roman Album ufficiale dell'anime smentiscono questa leggenda. 

Ufo Robot Grendizer (trasmesso settimanalmente in un orario tipicamente dedicato all'infanzia) ebbe una media complessiva di ascolti nell'arco del 74 episodi pari a 20,9. La punta massima di ascolto si ebbe all'episodio 21 (Il Giorno Dell'Aurora - rate 27,6), mentre l'episodio dal rating più basso è ep42 (SOS Dal Centro Spaziale - rate 11,7). Interessante è notare il crollo degli spettatori rispetto alla media del periodo per entrambi gli episodi trasmessi e dedicati al Capodanno. Complessivamente, comunque, la media degli spettatori degli episodi il cui character design fu curato da Komatsubara (21,6 - valore superiore alla media complessiva) è più alta di quella dell'era Araki (19,5 - valore inferiore alla media totale).



Gerdha

 

Home

Immagini

Profili

Goldrake

Locations

Doppiatori

Analisi

Scheda

 

Il Fantastico Mondo di Go Nagai (http://www.nagaifans.it)


© 2000 - , Il Fantastico Mondo di Go Nagai